GdL – Educazione alla Sicurezza

Risultati conseguiti dal Gruppo di Lavoro: 13.465 studenti/insegnanti/personale ATA/genitori fino all’A.S. 2014-2015:

(file 20150616 GdL EduSicInfo – Risultati conseguiti AASS 2010-2015 ver 11)

 

 

Sempre più spesso i ragazzi accedono al web senza un minimo di cognizione di causa, senza conoscere i pericoli presenti in rete, o credendo di controllarli; oggi il 91,8% dei giovani conosce almeno un social network (dati Censis 2011)e naviga quotidianamente, e l’81% dai 14 anni in su possiede un account su Facebook.

Un genitore non si sognerebbe mai di far uscire di casa il proprio figlio senza sapere dove intende andare e con chi, mentre senza alcuna difficoltà lascia i propri figli liberi di navigare su internet, spesso ignaro dei pericoli cui vanno incontro. Nonostante alcune importanti iniziative a livello italiano sulla sicurezza di Internet a favore degli istituti scolastici, c’è ancora molto da fare, ed è per questo motivo che il Capitolo Italiano di (ISC)2ha avviato l’iniziativa “Sicurezza in Internet per le Scuole”.

Il Gruppo e le sue iniziative si inquadrano come un’attività formativa nei confronti delle nuove generazioni, affinché queste possano avere una maggiore consapevolezza riguardo l’uso sicuro dei nuovi media. Allo stesso tempo, ritiene importante offrire le giuste informazioni anche ai genitori, e formazione agli insegnanti ed al personale scolastico, affinchè questi possano interagire efficacemente con gli studenti riguardo i corretti comportamenti da adottare in rete al fine di ridurre i rischi.

Il Gruppo di Lavoro ha ideato un Programma di Sensibilizzazione e Consapevolezza, proposto già in alcune scuole, che si articola in tipologie di incontri distinti. L’audience che si intende raggiungere va da un minimo di 9 anni (IV elementare) fino ai 19 (V Superiore); l’attività educativa si diversifica quindi su diversi livelli di presentazioni, dividendo le iniziative per fasce d’età (ragazzi fino alla I Media, ragazzi fino al 3° anno di liceo, e ragazzi al 4° e 5° anno di liceo, e presentazioni più una mirate a docenti e personale ATA e genitori).  Le iniziative già presentate comprendono:

  • per i più piccoli (dagli alunni di IV Elementare fino agli studenti di III Media, fino cioè ai 14 anni) uno schema integrato da materiale di (ISC)2 Italy Chapter. Tutti i volontari sono stati preventivamente preparati da (ISC)2 Italy Chapter al fine di utilizzare un linguaggio appropriato al sensibile segmento d’utenza, fermo restando un preventivo incontro con la Dirigenza della scuola, ed eventualmente gli insegnanti e/o lo psicologo dell’istituto per i chiarimenti che si rendessero necessari o per meglio ritagliare la presentazione sulla realtà specifica. Il tono adottato è improntato a una grande serenità: la lezione è un momento interattivo per soddisfare curiosità, coinvolgere gli alunni e mostrare le insidie che si celano in rete in maniera tale da fornire gli strumenti per una navigazione quanto più consapevole e sicura. L’attenzione è posta sull’esperienza digitale vista come arricchimento personale e intrattenimento sicuro senza pericoli, attraverso una rivisitazione del vecchio concetto, caro ai nostri nonni, di “non accettare caramelle dagli sconosciuti”, opportunamente adeguato alla realtà di Internet.
  • per gli studenti delle Superiori, utilizzando uno schema predisposto dai volontari di (ISC)2 Italy Chapter sulla base delle loro conoscenze professionali. Per gli studenti delle Medie Superiori il linguaggio è più formale, senza essere accademico, gli argomenti vengono affrontati da un punto di vista più confacente alle loro necessità; all’aumentare dell’età si intendono fornire maggiori informazioni di natura legale.
  • per gli insegnanti e i genitori di alunni e studenti – che sono i primi responsabili dell’educazione quotidiana al web sicuro – ma anche il personale ATA delle segreterie che spesso opera in contatto con gli studenti ed utilizza strumenti informatici istituzionali per la comunicazione e la condivisione di materiale, si presentano i nuovi media e si danno informazioni sui corretti comportamenti da tenere in rete (community online, chat, blog, social network…), sull’uso consapevole e responsabile della creazione di contenuti digitali e soprattutto della loro condivisione online, con le relative problematiche di natura legale.

Il livello di approfondimento del materiale proposto è strettamente correlato con la maturità e le conoscenze della platea e le diverse presentazioni vengono adattate tenendo conto di questi fattori.

Il Gruppo di Lavoro ha già condotto una fase di sperimentazione coinvolgendo alcune scuole al fine di avere i necessari riporti e ritagliare le varie presentazioni per il bacino d’utenza di riferimento. Dalla sperimentazione condotta, che ha coinvolto circa 1400 persone tra studenti, insegnanti e genitori,  si è visto che è essenziale coinvolgere i bambini già in età precoce (9 anni) perché questa è l’età media di ingresso al web (spesso avviene anche prima), quella in cui i genitori consentono l’uso dei propri strumenti informatici o si riceve in regalo il primo cellulare, magari dotato di strumenti per usare il web in mobilità.

Per (ISC)2 Italy Chapter portare il messaggio della sicurezza in rete direttamente nelle aule è un impegno importante e significativo, ed è assolto da un gruppo di professionisti che desiderano condividere, tramite un impegno diretto a favore del territorio, le proprie conoscenze per migliorare il mondo in cui tutti noi viviamo, dove le insidie di Internet siano ridotte ad un livello accettabile per favorire un progresso sostenibile della società.

Il Coordinatore del gruppo è Stefano Ramacciotti; è possibile contattarlo per qualunque domanda sulla natura delle iniziative, o per manifestare il proprio interesse ad essere coinvolti.

 

Go to Top